NAO: tra certezze consolidate e nuove evidenze

09-09-2021

 

 

Razionale scientifico e Obiettivi del progetto

La fibrillazione atriale (FA) è l’aritmia più comunemente riscontrata nella pratica clinica quotidiana ed ha una prevalenza che cresce progressivamente con l’età. La presenza di questa aritmia costituisce un importante fattore di rischio per gli eventi tromboembolici, in particolare per lo stroke che, nei pazienti affetti da FA, ha una frequenza che è circa 5 volte più elevata. Inoltre, lo stesso rischio di stroke nei pazienti con FA cresce al crescere dell’età con il risultato che, non solo i pazienti anziani hanno maggior probabilità di avere FA ma hanno anche, in presenza di quest’ultima, maggior probabilità di andare incontro ad uno stroke rispetto ai pazienti giovani con FA. 

Recentemente sono stati pubblicati studi in cui i NAO hanno dimostrato una buona efficacia e una discreta sicurezza anche su pazienti complessi e con comorbidità affetti da  patologie cardiometaboliche.

 Nasce, quindi, la necessità di un aggiornamento, tramite un evento ECM, che permetta di creare una base comune di riferimento innanzitutto tra i medici di Medicina Interna che rappresentano, spesso, la prima interfaccia clinica per questi  pazienti. L’ obiettivo è creare un percorso clinico condiviso che permetta ai clinici coinvolti di seguire in modo strutturato il paziente con NAO sia durante il ricovero che alla dimissione in modo da poterlo correttamente indirizzare in caso di specifiche esigenze.

 

Città
Regione Campania
Location Evento Hotel Belsito
Indirizzo S.S. 7/bis - Avellino Est
Durata Evento 0
Referenze
Contatti
Numero partecipanti fino a 50
Scarica
line